• redazione

FOGGIA-BARI, DERBY DAL SAPORE ANTICO

Una sfida che affonda le radici in lontani ricordi ed epiche battaglie, in campo e sugli spalti



Non si può pensare al derby Foggia-Bari senza tornare alle sfide in Serie A, quando il Bari dei Matarrese affrontava il Foggia di Zemanlandia e del tridente Baiano-Rambaudi-Signori. Dalla prima gara in assoluto giocata tra le due formazioni il 19 novembre 1933 (Bari-Foggia 1-0) all'ultimo incontro disputato a Foggia il 21 aprile 2018, le due squadre si sono incontrate in incandescenti derby 46 volte, con un bilancio tutto sommato equilibrato: 17 vittorie per i biancorossi, 14 pareggi e 15 vittorie per i rossoneri. Se ci fosse stata la possibilità di accedere liberamente allo Zaccheria, gli spalti sarebbero stati sicuramente gremiti da entrambe le tifoserie. La classifica in un derby conta sempre relativamente, ed è il campanilismo e la rivalità a farla da padrona. Anche per quest'anno il clima non è dei più amichevoli: a Bari è comparso uno striscione provocatorio che recitava «l’obiettivo va rimarcato: vincere a Y e dominare il campionato», con il chiaro riferimento all'ammissione a tavolino e non sul campo del Foggia in Serie C solo dopo l'esclusione del Bitonto (la "y" era stata usata in fase di compilazione dei calendari in attesa dell'ufficializzazione del ripescaggio). La risposta dei foggiani non si è fatta attendere con lo striscione «Il campionato lo potete anche dominare, ma sugli spalti ce lo potete solo ciucciare».

Le probabili formazioni:

Bari (3-4-3): Frattali; Celiento, Sabbione, Di Cesare; Ciofani, Maita, Bianco, D'Orazio; Marras, Antenucci, D'Ursi. All. Auteri

Foggia (3-4-1-2): Fumagalli; Germinio, Gavazzi, Agostinone; Kalombo, Vitale, Salvi, Di Masi; Curcio; Dell'Agnello, Balde. All. Marchionni



58 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti