• redazione

RIAMMISSIONI E RIPESCAGGI, IL CONSIGLIO CONFERMA I CRITERI DELLA SCORSA STAGIONE

Sembra praticamente impossibile un ripescaggio del Bari in Serie B


Nessuna novità per ciò che riguarda i criteri per le riammissioni e i ripescaggi, dall’esito del Consiglio Federale, tenutosi quest’oggi ed appena conclusosi. Ecco, quanto si legge nel comunicato appena diramato dalla FIGC:


· Procedure di riammissione ai campionati professionistici di Serie A e Serie B; Procedura e criteri di riammissione al campionato di professionistico di Serie C ex art. 49, comma 5 bis delle NOIF; Norme per l’integrazione delle eventuali vacanze di organico nei campionati professionistici: provvedimenti conseguenti Il Consiglio ha approvato, in linea di continuità con la passata stagione, i criteri per le procedure delle eventuali riammissioni e degli eventuali ripescaggi nei campionati di Serie A, Serie B e Serie C, nonché il regolamento per le sostituzioni per le neopromosse dalla Serie D che risultassero rinunciatarie o non ammesse.


In pratica per i ripescaggi in Serie A e Serie B la situazione è la seguente: dovesse liberarsi un posto in serie A, sarebbe occupato dalla 18° classificata nel campionato appena concluso (nel caso attuale il Lecce) e se dovesse liberarsi un secondo posto andrebbe alla 19° (Brescia) ed il terzo alla 20° ed ultima della classifica (Spal). Stessa cosa per la Serie B, dove essendo previste 4 retrocessioni in una classifica di 20 squadre, le priorità andrebbero dalla 17° (la perdente dei playout tra Perugia e Pescara), poi alla 18° (Trapani), alla 19° (Juve Stabia) ed alla 20° (Livorno) .

Solo una volta esaurite le retrocesse, tanto in serie A quanto in Serie B, si potrà dar luogo ai ripescaggi mediante la promozione di squadre dalla serie inferiore, in seguito alla elaborazione di una graduatoria basata sul calcolo di tre coefficienti: la posizione in classifica nel campionato appena concluso; la tradizione sportiva (campionati disputati nelle varie serie, titoli vinti ecc.); e la media spettatori nelle ultime 5 stagioni. Per ognuna di queste tre voci viene stilata una classifica con l’attribuzione di un punteggio decrescente dalla prima all’ultima. A ciascuno dei 3 punteggi viene poi applicato un coefficiente (0.5 per la prima voce e 0.25 per ciascuna delle altre due) e redatta un’ulteriore classifica, quella che stabilisce l’ordine di ripescaggio. È evidente come diventi pura utopia un ripescaggio dei biancorossi in Serie B.


#serieb #bari #ripescaggi

510 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti