• nanicampione

MASSARELLI, I 104 ANNI DEL SUPERTIFOSO BIANCOROSSO

Il compleanno dell'ex giocatore del Bari degli anni Trenta settore giovanile, prima squadra e l'infortunio


La torta è rigorosamente biancorossa. Perché a 104 anni le sue passioni restano il Bari e la politica. Muzio Massarelli, un passato nel settore giovanile della società del galletto, due mesi in prima squadra squadra e poi l'infortunio che condizionò la carriera da calciatore, è stato festeggiato da parenti e ex alunni. Perché lui, dritto come la pertica della palestra, è stato un apprezzato professore di educazione fisica: 2.800 gli alunni ai quali ha insegnato. Occhi celesti, eleganza d'altri tempi, Muzio Massarelli segue le gesta della squadra del cuore ogni giorno, sfogliano le pagine della Gazzetta del Mezzogiorno. "I playoff? Ce la farà, ce la farà", dice sornione. Ha un desiderio: "Vorrei vedere una partita allo stadio San Nicola". Poi si tocca la schiena: "Però questo mi fa un po' male". Il calcio è cambiato. Troppo: "Rimane comunque lo sport più bello del mondo".


Le sue foto preferite sono quelle in bianco e nero. Raccontano campi di periferia, pochi moduli e alchimie tattiche: "Bisognava correre e tirare. Vinceva chi segnava più gol. Tutto semplice". Le scarpe dei giocatori avevano un solo colore, il vero. Le magliette erano di lana pesante: "Però ci divertivamo".


In attesa della promozione del Bari, una fetta di torta e un bicchiere di champagne: "Il festeggiamento più bello, deve ancora venire. Io sono fiducioso". Auguri al supertifoso .

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti