• redazione

LUCIONI E QUELLA GAFFE AI TEMPI DEL LECCE

Al centro di diverse polemiche per uno striscione contro il Bari mostrato durante i festeggiamenti per la promozione dei giallorossi



Sarà al centro della difesa del Frosinone il calciatore, ex capitano del Lecce, Fabio Lucioni, protagonista di una "gaffe" clamorosa per via di una esultanza provocatoria nel corso dei festeggiamenti per la promozione in Serie A dei salentini, alla fine dello scorso campionato. In quella occasione aveva mostrato uno striscione, passatogli da qualche tifoso, con la scritta "Odio Bari". Subito dopo l'accaduto il calciatore ha provato a spegnere le polemiche con delle scuse pubbliche: "Ho il massimo rispetto per Bari e la sua tifoseria: mi sono trovato quello stendardo tra le mani senza capire cosa ci fosse scritto. Quando si festeggia una promozione, questi sfottò nei confronti delle tifoserie avversarie possono accadere. Sono stato sempre una persona rispettosa di tutti, non c’era alcuna allusione a qualcosa o volontà di enfatizzazione del tifo né si trattava tantomeno di una mia presa di posizione. Mi dispiace essere stato frainteso, non ho alcun problema contro la tifoseria barese. Il compito di noi giocatori è quello di essere protagonisti in campo, non di entrare in merito su quello che accade sugli spalti". I tifosi del Bari, presenti in massa domani allo Stirpe, non avranno dimenticato i trascorsi del difensore e saranno pronti a subissarlo di fischi ad ogni tocco di palla.



67 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti