• redazione

LA STORICA LITE GAUCCI-MATARRESE

Indimenticabile lo "scontro" tra i due presidenti in occasione di un Perugia-Bari del 1999


Le polemiche nel mondo del calcio sono all’ordine del giorno. Coinvolgono tifosi, giocatori, allenatori, dirigenti e presidenti. Battute, sfottò, insulti e alle volte si arriva anche alle mani. Ma in assoluto tra uno dei momenti più imbarazzanti dell’amarcord calcistico val la pena ricordare forse quello più divertente di tutti.

6 novembre 1999. A Perugia il freddo inizia già a lavorare i pensieri. Sugli spalti del Renato Curi però la temperatura fonde il termometro. In mezzo al campo si contendono la vittoria il Grifo e il Bari. L’aria sembra già spessa prima ancora di cominciare, ma bastano nove minuti per alzare la manopola della tensione. Duccio Innocenti, centrale che ha impresso “ruvidezza” tra i segni particolari della sua carta d’identità, affonda il gomito nello zigomo di Renato Olive. Ossa che si infrangono. Rovinosa caduta a terra. Gli spalti rumoreggiano per lo spettacolo ferale. Tra i giocatori si accendono pulsazioni tribali. Prodigiosamente incosciente, l’arbitro Emilio Pellegrino fa spallucce. Lui non ha visto nulla.

Apriti cielo. La gara scivola via attraversata da un livore che aspetta soltanto di essere scoperchiato. Il Bari vince 2-1. Prima sconfitta in casa per la squadra del vulcanico presidente Gaucci, che ha non poco da recriminare contro l’arbitraggio di Pellegrino. A fine partita il presidente sbotta.

Incontrarlo nel dopo partita equivale ad una iattura cosmica. Prima va faccia a faccia con il fischietto, soverchiato da un’ira incontenibile: “Il giocatore è in ospedale e ha la frattura e lei non ha fatto niente!”. Pellegrino, fedele al suo irredimibile (quanto inspiegabile) aplomb, alza gli occhi al cielo e scorre oltre.

Poi arriva la provocazione intollerabile. Sporgendosi dal pullman del Bari, il presidente Vincenzo Matarrese grida al suo pari grado: “Gaucci noi siamo di Seria A! Gaucci!”. Lo sclero è servito. Infilzato da quella manciata di parole, Luciano inizia a fare a sportellate tra la gente che cerca di trattenerlo, per andare incontro a Matarrese. La replica del patron del Grifo è da manuale dell’improperio: “Vai a fare in c…mortacci tua, te e tuo fratello. Zozzone, venduto, figlio di…Lasciami - abbaia ad un addetto che si aggrappa alla sua giacca nel disperato tentativo di contenere il degrado - gliene devo dire quattro”. Gaucci giunge quasi sotto il mezzo del Bari. Giù un altro carico di pittoreschi insulti. Vorrebbe salire a bordo, per farsi giustizia da solo. Un cordone di avveduti evita il peggio.

La lite più trash del calcio italiano è servita. Compianti, a tratti eccessivi, certamente passionali: Gaucci e Matarrese erano davvero di Serie A.


Il video della litigata:

https://youtu.be/0z-OdKyW9EY


2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti