• redazione

LA FIGC GIOCA D’ANTICIPO: ECCO IL PROTOCOLLO

Inviato il documento con le nuove linee guida per la ripresa dei campionati


Nella giornata di oggi il Comitato tecnico-scientifico esaminerà il nuovo protocollo inviato dalla FIGC, con anticipo rispetto al previsto, in attesa dell’incontro di giovedì con il ministro Spadafora.


Questi, in sintesi, i punti principali:


1. Quarantena di almeno due settimane per le squadre nel caso di positività di un membro dello staff o singolo giocatore

2. 300 il numero massimo di persone ammesse allo stadio in Serie A. Per la Lega Pro sarà previsto un numero proporzionalmente più basso. Il numero massimo delle squadre ospiti non deve essere superiore alle 60 persone.

3. Controlli agli ingressi dello stadio per gli autorizzati ad accedere con misurazione di temperatura e ossigenazione del sangue e autocertificazione. Suddivisione in tre zone distinte e separate degli stadi: Interno stadio/zona tecnico-sportiva, tribune-area media/tribuna stampa ed esterno stadio.

4. Percorsi separati per ingresso in campo dei calciatori e arbitri e antidoping. Arrivi allo stadio, riscaldamento e ingresso in campo separati tra squadra di casa e squadra ospite. Ingresso contingentato e distanziato negli spogliatoi.

5. Distanza di almeno un metro e mezzo tra calciatori e ufficiali di gara. Abolizione dei raduni degli arbitri

6. Tamponi ogni quattro giorni e test sierologici ogni due settimane per i calciatori, come già previsto dalle attuali norme per gli allenamenti collettivi.

7. Niente riprese TV negli spogliatoi. Riduzione delle telecamere per produzione standard C o D con 10-12 telecamere e non più 17. L’eventuale intervista flash all’intervallo a distanza di un metro e mezzo dal giornalista. Chiusura di Zona mista e working area, con conferenze stampa in modalità Formula Uno, prodotte televisivamente, con raccolta delle domande via Skype/Whatsapp.

50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti