• redazione

IL MAGAZINE "LA VOCE BIANCOROSSA" IN EDIZIONE DIGITALE

Aggiornamento: mag 18

La versione "sfogliabile" on line per il nuovo numero del periodico della nostra testata per la partita Bari-Bisceglie



Comunque vada a finire l’ultima giornata di campionato, il Bari ai playoff ci sarà. La partita col Bisceglie serve, tutto sommato, solo a salvare la faccia. Ad allontanare - magari - i fantasmi della Turris, a recuperare almeno un pizzico di orgoglio e a rispondere sul campo ai malumori dei tifosi, quelli veri, che nulla hanno a che vedere con gli eccessi. Sotto il profilo agonistico il derby è più importante per gli ospiti. Poi, ci immergeremo nella lotteria dell’imprevedibilità, dove tutto può accadere. Un campionato nel campionato, al quale ci si aggrappa per sperare in un miracolo calcistico. Chi ha deluso finora, avrebbe un’opportunità unica per riscattarsi con un’appendice da protagonista. I dubbi comunque restano: se contro squadre mediocri hai giocato senza mordente, mano a mano che aumenta il livello qualitativo dell’avversario, dove conta solo vincere, tutto diventa più difficile. Con queste premesse, c’è il rischio di allungare solo una stagione travagiata. Quando arriverà l’ora dei bilanci, bisognerà però fare pulizia in vista della nuova stagione. Gran parte dell’attuale rosa non ha più nulla da dire, in termini di impegno, determinazione, attaccamento alla maglia. Che trovi fortuna in altri lidi. Così come la società ha il dovere di ricostruire la credibilità perduta, completando tutti i tasselli dell’organico, senza lasciare caselle scoperte o occupate con soluzioni tampone. Ci sarà da ricostruire anche il rapporto col cuore pulsante della città, perché tra pandemia e mortificazioni calcistiche, c’è una generazione di tifosi disabituata a seguire le vicende biancorosse, preferendo il Psg o il Barcellona. E senza il ricambio generazionale il futuro si complica. Anche in questa operazione serve chiarezza. Magari facendo conoscere i nomi di quei giornalisti che hanno chiesto in passato incarichi dirigenziali alla società e hanno ricevuto un cortese no, grazie. Giusto per capire se certe esternazioni e valutazioni siano genuine, professionali o il frutto del no, grazie ricevuto. L’ambiente va bonificato da tutti i fumi e i veleni.


Clicca sul tasto "La Voce Biancorossa" per sfogliare la rivista


98 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti